Isola di Poveglia

Isola di Poveglia… Il Ritorno

Tipologia: Ospedale Abbandonato
Causa dell'abbandono: Cessato utilizzo
Data esplorazione: 06/2017
Condizioni: pessime
Stato Attuale: Abbandonato
Valutazione Personale (1/10): 8

Ritorno all’isola di Poveglia. Questa volta torno con attrezzatura migliore e in buona compagnia. Qui trovate la vecchia esplorazione.

Storia

Poveglia è un’isola della laguna di Venezia. La sua superficie è di 7,25 ettari, è quindi un’isola abbastanza grande per lo standard della laguna veneta ed oggi conta ben 11 fabbricati.

Storia antica

Inizialmente il suo nome era Popilia, ma nelle mappe del cinquecento la si può trovare denominata anche Poveggia. A seguito dell’invasione longobarda del VI secolo e della distruzione delle città dell’entroterra, divenne uno dei centri di reinsediamento delle popolazioni in fuga verso le coste. Divenuta borgo e anche sede di un castello. Il centro contribuì efficacemente, tra l’809 e l’810, alla resistenza dell’antica capitale del ducato di Venezia, assediata dai Franchi. Poveglia era un centro florido, sia dal punto di vista economico, sia demografico.

La decadenza di Poveglia coincise con la guerra di Chioggia. Nonostante la costruzione di una fortificazione (ottagono Poveglia), l’isola fu ugualmente occupata dall’ammiraglio genovese Pietro Doria che da qui bombardò il monastero di Santo Spirito. Al termine del conflitto Poveglia era completamente devastata e i suoi abitanti, in origine diverse centinaia, erano ridotti a poche decine. La repubblica si interessò più volte al recupero dell’isola. Inizialmente venne adibita a stazione per il rimessaggio e la sosta delle imbarcazioni e per l’immagazzinamento di attrezzature di bordo. In seguito fu convertita in isola a scopo sanitario.

Storia recente

Nel 1782 fu assegnata al Magistrato alla Sanità, che orientò l’isola verso usi sanitari. Le sue strutture infatti servirono al controllo di uomini e merci e, all’occorrenza, da lazzaretto. Nel 1793 e nel 1798, ospitò gli equipaggi di due imbarcazioni ammalati di peste. Mantenne le funzioni di stazione per la quarantena marittima per tutto l’Ottocento e fino al secondo dopoguerra. Nell’ultimo periodo gli edifici furono in parte adibiti a convalescenziario geriatrico, ma dal 1968 anche questo utilizzo venne dismesso e l’isola fu ceduta al Demanio e da allora abbandonata. Per un periodo i suoi terreni furono assegnati ad un agricoltore, mentre gli edifici andavano progressivamente in rovina. Da allora l’isola è stata oggetto di vari progetti di recupero che tuttavia non sono mai stati attuati. (Fonte Wikipedia)

La mia esplorazione

Con me questa volta, oltre a mio fratello con cui porto avanti il progetto Urbex Venezia, ci sono gli amici di Urbex Silence Venezia, Zhurbex, Albus310 e altri quattro esploratori. La giornata è fredda e piovosa, il che contribuisce a rendere l’esplorazione ancora più inquietante e ricca di fascino. L’organizzazione di questa esplorazione è stata un parto, e ringrazio il gruppo Urbex Silence Venezia per aver curato tutto nei minimi dettagli rendendo l’esplorazione un successo e soprattutto uno spasso.

Questa volta ho deciso di esplorare gli edifici seguendo un filo logico, e non saltando qua e là come l’altra volta. Faccio un po’ di foto alla parte esterna, il sole potente trovato durante la mia prima visita qui mi aveva impedito di fare foto decenti agli esterni degli edifici. Devo dire che ora che sono da solo il tutto ha un’aria più spettrale, sento solo il rumore dell’otturatore della mia reflex e delle gocce di pioggia che cadono sulle foglie. Entro nel primo edificio e vedo cose che l’altra volta non avevo nemmeno notato, bellissimi dettagli che mi fanno sentire come se fosse la prima esplorazione. Completo tutti gli edifici anche alcuni che la volta prima non avevo fatto a tempo ad esplorare e torno al punto di raccolta.

Questa volta l’Isola di Poveglia ha completamente cambiato volto. Infatti, oggi sono riuscito a godermi al massimo l’esplorazione,  riuscendo a vedere la vera essenza di quest’isola. Ho deciso per questo alzare la valutazione data durante la prima esplorazione.

Buona visione!

Vuoi una foto a risoluzione originale? Contattami tramite e-mail oppure sui Social Network.