Fabbrica di Alluminio
Tipologia: Fabbrica abbandonata
Causa dell'abbandono: Fallimento
Data esplorazione: 03/2018
Condizioni: Buone
Stato Attuale: Abbandonato
Valutazione Personale (1/10): 9

In questa esplorazione vi porto all’interno della fabbrica di alluminio, un gigantesco complesso produttivo completamente abbandonato da molti anni.

Storia

I lavori di costruzione della fabbrica iniziarono nel 1926 e si conclusero circa due anni dopo. Nel corso degli anni ha cambiato diverse proprietà e ragioni sociali. A metà degli anni Sessanta è stata coinvolta nello scandalo dell’inquinamento, infatti si dice che la fabbrica riversasse nel fiume vicino materiale inquinante con consecutivi danni alle coltivazioni circostanti.

L’azienda ebbe parecchi alti e bassi, ma il colpo di grazia arrivò dall’ENEL, che costrinse la fabbrica a comprare l’energia invece di prodursela come avevano sempre fatto. Passare da produrre energia a basso costo a comprare l’energia da esterni influì molto negativamente sull’andamento dell’azienda.

Complice anche la nascita di alcune fabbriche più moderne e molto più produttive, nel 1983 la stabilimento chiuse i battenti. Oggi è ancora abbandonato.

La mia esplorazione

In questa esplorazione mi accompagnano mio fratello e un altro amico. Era tempo che progettavamo di andare ad esplorare questa mega fabbrica, e finalmente siamo riusciti ad organizzarci.

Il tempo non è dei migliori, ma non sono certo una persona che si lascia scoraggiare da qualche goccia di pioggia. Entro dal cancello principale e mi trovo davanti un grande capannone. Subito mi rendo conto delle dimensioni dello stabilimento. Mi era appena arrivato l’obiettivo grandangolare, ottimo visto gli spazi enormi di questo posto. I primi due capannoni sono praticamente identici hanno solo dimensioni diverse, ma mi sono divertito ad immaginare la fabbrica nel periodo produttivo.

Uscito dal secondo capannone vado verso una struttura molto strana, si trova al centro del complesso industriale e sembra una stazione ferroviaria. Una volta entrato mi rendo conto che in realtà quella era la centrale elettrica che un tempo alimentava l’intera fabbrica. I soffitti sono altissimi e sembrano quelli di una stazione ferroviaria degli anni Sessanta, è veramente uno spettacolo. Oggi è ricoperta di murales e scritte, ma ai tempi d’oro doveva essere davvero un edificio grandioso.

Completo l’esplorazione della centrale e mi sposto verso altri edifici, probabilmente la palazzina che ospitava la mensa, e successivamente l’ultimo capannone. Tornando verso l’uscita vedo un ponticello sul tetto di uno dei capannoni, senza pensarci lo percorro e mi ritrovo davanti a delle gigantesche turbine, sono veramente mastodontiche. Probabilmente servivano per ripulire l’aria durante i turni di lavoro. Scendo e torno verso l’ingresso della fabbrica dove ci sono gli ufficio che non ho ancora avuto modo di esplorare. Alla fine, ho impiegato più di 6 ore per completare l’esplorazione. Uscendo guardo il contapassi, ho percorso più di sedici chilometri.

La fabbrica di alluminio è incredibile e vale assolutamente la pena di vederla, anche se è quasi del tutto vuota, gli spunti fotografici sono pressoché infiniti e trovarsi all’interno di quelle enormi strutture in cemento è veramente suggestivo.

Buona visione.

Vuoi una foto a risoluzione originale? Contattami tramite e-mail oppure sui Social Network.

Condividi Questa Gallery

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *